LEGGERELESERE 2016

leggeress2016

INGRESSO € 3,00 *In caso di maltempo gli spettacoli

avranno luogo presso il Teatro Giovanni XXIII

Si ringraziano per l’ospitalità: Damiano Miari Fulcis, Roberto e

Mariagrazia Bond, Confindustria Belluno Dolomiti.

Tecnici: Luca Campeotto, Corrado Polentes, Marco Valentino,

Claudio Viel

Associazione Culturale BRETELLE LASCHE

Tel. 329 3676945

MARTEDÌ 5 LUGLIO – ORE 21.00

 Giardino di Villa Miari – via Cipro

La cura

di e con Barbara Eforo

“Incontro una badante. Si racconta a me con una sincerità disarmante.

Ascolto tutto. Anche i silenzi e i sospiri. Tutto. I suoi

tentativi di parole smozzicate sono la sua musica, le sue note.

Nella sua storia ci sono storie di bambine, donne, madri, vecchie.

Storie di tutti noi, migranti in questo mondo di parole. Impariamo

a parlare per tentare di raccontarci. Con balbettii, farfugliamenti,

lallazioni, pronunce fallite e silenzi obbligati. Chissà

se poi davvero serve a qualcosa tutto questo. Tutto questo

imparare. Tutto questo parlare.”

“La cura” è la trascrizione in parole e silenzi dell’incontro tra l’attrice

e una badante, e racconta con straziante tenerezza storie

di bambine, donne, madri e vecchie, storie di vite vissute, guardate,

ascoltate, assistite e curate.

MARTEDÌ 12 LUGLIO – ORE 21.00

 Giardino di Villa Doglioni Dalmas – via del Piave

2 Spettacoli di teatro-danza

Teatro Pachuco

Coup de foudre

di Rudi Galindo

con Lisa Da Boit e Rudi Galindo

in collaborazione con

WBI Wallonie-Bruxelles International

“Coup de Foudre” è quello che accade quando trovi un amore

inaspettato, è magia senza trucchi, poesia senza parole. Parla di

incomprensioni e di tenerezza, di solitudine e ricerca di complicità.

Un uomo e una donna ci guidano nel mondo di un film muto, ai

confini tra sogno e realtà. Utilizzando il linguaggio del movimento

e del gesto costruiscono lentamente un dialogo silenzioso che si

spinge oltre i confini della danza e del teatro.

Korarte

File Life

di Laura Zago, con Giorgio Tollot e Laura Zago

Un amore fragile, ciò che eravamo, ciò che sentiamo di essere e ciò

che siamo costretti ad essere. “File” di vita, vissuti a ritroso, descrivono

la costruzione di un amore dove i due partner continuamente

cadono in episodi a volte tragici, a volte surreali e divertenti. Un

gioco tra vanità, ironia, cinismo, sogni e l’amara cruda quotidianità,

che trasforma la vita e costringe a ricercare la vera felicità nella

semplice banalità dell’essere e delle sue emozioni.

MARTEDÌ 19 LUGLIO – ORE 21.00

 Giardino delle Scuole Gabelli – via Cavour

Principesse e sfumature

(Lei, Lui e NoiAltre)

di e con Chiara Becchimanzi

voce registrata Beatrice Burgo

ADATTO AD UN PUBBLICO ADULTO

Uno spettacolo che offre uno sguardo piccante, acuto, femminile

ed esilarante sui cliché di genere e non solo… Una donna sull’orlo

della crisi dei trent’anni, una psicoterapeuta dalla voce suadente

e molte domande: perché le donne di oggi devono essere per

forza tutto? Cosa vuol dire sottomissione femminile in un mondo

in cui 50 sfumature di grigio vende lo stesso numero di copie di

Don Chisciotte?

Un ragionamento sincero, sentito e mai banale in grande rapporto

col pubblico. Un allestimento essenziale, arredato come uno

spazio della mente.

Tutto è affidato alla forza viva dell’attrice sul palco, all’apertura dei

suoi spazi narrativi, all’empatia costruita con il pubblico, ad una

scanzonata e sapiente gestione dei tempi comici, al mix di teatro,

stand up comedy e narrazione che fluisce da un argomento

all’altro senza essere scontato, ma senza mai prendersi troppo

sul serio. Perché di riflettere c’è bisogno, ma se si riflette ridendo

si riflette meglio.

MARTEDÌ 26 LUGLIO – ORE 21.30

 Chiostro dell’Istituto Catullo – via Loreto

All’ombra del lupo

spettacolo di teatro d’ombre

Maestro d’ombre: Nicola Pauletti

Musiche: Gabriele Soppelsa

Disegni originali: Agnese Meroni

Gruppo di lavoro espanso: Chiara Buttignon, Chiara Dal

Pont, Silvia De Min, Vani Fiorot, Michele Firpo, Mirco Gaio,

Raffaella Giacobbi, Lucia Gorza, Veniero Levis, Fina Lo Cunsolo,

Lucia e Silvia Zanon

Liberamente ispirata alla fiaba musicale di Sergej Prokof’ev,

ecco una nuova rappresentazione di “Pierino e il lupo” e una

nuova produzione delle Bretelle Lasche, che si cimentano con

un genere affascinante e mai sperimentato fino ad ora.

Uno spettacolo di teatro d’ombre, dove il mistero e la magia di

luci, tendaggi, sagome oscure e schermi colorati creano una

storia dal fascino del tutto speciale. Una fiaba musicale, in cui

i suoni di un clarinetto poliedrico sanno, come un’orchestra,

dar voce ai diversi compagni di Pierino. Tutto questo, nel buio

della notte, sotto un cielo stellato, non solo per i bambini, ma

anche per i grandi che vogliono ritornar piccini.